CE L’HANNO TUTTI CON ME di Charles Bukowski

Questa è una sorta di recensione a quattro mani, di cui due sono le mie e le altre due della mia amica Katya. Un ponte dalla Germania alla Sicilia per affrontare insieme la lettura di Ce l’hanno tutti con me di Charles Bukowski: semplicemente, una rivelazione.

Le parole mi amano,
mi hanno scelto,
separato dal mucchio.
(da “Annotazioni”)

Io e Katya siamo da anni compagne d’avventure nel Club del Libro: siamo, perciò, abituate a non vedere la lettura come “passione solitaria”. Siamo abituate a condividere, a confrontarci, a scambiarci punti di vista con altri. Ma stavolta abbiamo fatto un extra: una lettura inter nos, solo io e lei, in privato.
Essendo tutte e due per nulla esperte di poesia e volendo colmare questa lacuna (voragine, per quel che mi riguarda), abbiamo pensato che farlo insieme sarebbe stato senz’altro più facile. Così è stato.
Come mi ha scritto la stessa Katya, «leggere insieme e scambiarci opinioni e giudizi è stato illuminante». Per me di certo, visto che io non avevo mai letto nulla di Bukowski – ho un fratello che mi ha sempre detto che non è “roba da femminucce”, e non capisco perché gli avevo dato retta –, mentre lei sì. Katya mi ha guidata, mi ha raccontato molto altro per farmi meglio comprendere alcune poesie o alcuni passaggi. «In questa raccolta ho ritrovato Bukowski, che conoscevo e amavo già: un mix di se stesso e del suo alter ego Henry Chinaski, protagonista dei suoi libri». Il punto sta qui: chi già conosceva Bukowski lo ritrova, chi non lo conosceva lo scopre e gli vien voglia di correre a comprarne un romanzo (che ci posso fare, sempre alla narrativa vado a parare…).
Ci siamo confrontate, perché com’è ovvio – tanto più con la poesia – non sempre l’interpretazione che davamo era la medesima. Delle volte, ragionando insieme, siamo arrivate ad una conclusione comune, altre invece abbiamo lasciato che una poesia seguisse e lasciasse tracce diverse in noi. Ed è giusto così.
«Bukowski porta alla luce la malinconia dell’essere umano, nel più basso abisso dell’animo. Rivela l’incapacità dell’essere umano di adattarsi e, viceversa, l’allarmante facilità con cui si adatta ad alcuni eventi»: ecco l’essenza di questa raccolta per la mia compagna di lettura. Queste poesie sanno di alcol, di gioco d’azzardo, di donnacce. Di solitudine, di vuoto. Sono poesie intrise di pessimismo, di rancore, di disprezzo verso “gli altri”… ma anche di rivalsa, del coraggio di un uomo che poi, comunque, non molla mai, di un profondo amore per l’arte e per la scrittura, tanto più salvifiche considerando che, a scrivere una poesia ispirata da una sinfonia di Liszt, è un “poeta maledetto”. Queste poesie sono da leggere.
Io e Katya siamo state sin da subito concordi nel giudicare le poesie di Bukowski prose — addirittura, delle volte, veri e propri “raccontini” — in cui, ogni tanto, si va a capo “a capocchia” (il testo tradotto è ancora peggio, sotto questo punto di vista, rispetto a quello originale…). Ma, forse, proprio il fatto che non seguano la metrica e le regole della poesia standard le rende speciali, universali: hanno qualcosa di vero e profondo, di vissuto e sentito. Forse, proprio questa estrema libertà di componimento le rende comprensibili a prima occhiata, nonostante poi, tra le righe, ci sia un mondo intero.
Lo stile di Bukowski è ben noto: molto lascivo e volgare, lo definisce Katya. Né a me né a lei la cosa ha minimamente turbato: dunque, non siamo abbastanza “femminucce”… e aggiungerei, per fortuna.

Ho sempre potuto affrontare il peggio, se a volte mi veniva concessa una
piccola tregua dall’incubo,
e gli dei, finora, me l’hanno
concessa.
(da “Ho questa nuova stanza”)

L’arte di scrivere è la migliore protezione
dalla follia del

mondo.
(da “Mi sento abbastanza bene stasera”)

Sì,
quasi
tutto
può diventare una
poesia.
(da “Parcheggiatore”)

tutticonmegrandeAutore: Charles Bukowski
Titolo: Ce l’hanno tutti con me (poesie tratte da The Flash of Lightning Behind the Mountain)
Pagine: 180
Editore: Guanda
Traduttore: Simona Viciani
Prezzo: € 14,00
Acquistalo subito su Amazon in cartaceo oppure in e-book!

Una risposta a “CE L’HANNO TUTTI CON ME di Charles Bukowski”

  1. […] sotto le ascelle di Charles Bukowski (Feltrinelli): di suo ho letto solo la raccolta di poesie Ce l’hanno tutti con me e credo che questa intervista realizzata da Fernanda Pivano possa essere un “ponte” per […]

Lascia un commento