LA FINE DEI VANDALISMI di Tom Drury

La fine dei vandalismi, esordio di Tom Drury uscito negli USA più di dieci anni fa, è sbarcato in Italia solo recentemente grazie a NN Editore. Primo volume della Trilogia di Grouse County, seguiranno A caccia di sogni (pubblicazione prevista in autunno, intorno a novembre) e Pacifico (nel 2018).

La fine dei vandalismi è una storia fatta di tante altre piccole storie: vite che si intrecciano, persone che cambiano e che sembrano sempre rincorrere – seppur con un certo disincantato distacco – la felicità.

Siamo a Grouse County negli anni Novanta. In questa immaginaria cittadina del Midwest vi è una costellazione di personaggi piuttosto nutrita che però ruota tutta attorno a Louise, oserei dire la vera protagonista del romanzo.

Louise, giovane assistente fotografa, si sta separando da Tiny, marito egoista e scostante – oltre che delinquente, perfino ricercato per atti vandalici.

Louise incontra a più riprese lo sceriffo Dan per questioni riguardanti le malefatte dell´ex marito; tra i due nasce ben presto, e in maniera molto delicata e spontanea, una relazione.

«Sono contento di vederti» disse Dan.

«Avvicinati un po´ » disse lei. «A che cosa stai pensando?».

«Alle tue sopracciglia».

«Sì? E che cos´hanno?».

«Mi domandavo che effetto fa baciarle» disse Dan.

«Puoi fare una prova» disse Louise.

Louise sembra aver finalmente trovato la sua stabilità insieme a Dan, ma la vita è un´altalena di gioie e dolori che non lascia scampo. Louise dovrà lottare, ancora una volta e passo dopo passo, per riconquistare la sua serenità.

Come già accennato, accanto a Louise – e Tiny, e Dan – vi sono numerosi altri personaggi, più o meno presenti e decisivi: La fine dei vandalismi è labirintico, eppure non si perde mai il filo.

Ciò che colpisce di questi personaggi è, da un lato, la loro profonda umanità e vulnerabilità e, dall´altro, la pazienza e l´empatia con le quali vengono raccontati. Addirittura Tiny, che dovrebbe essere “il cattivo”, riesce a commuoverci, quando rimpiange Louise, fa un bilancio della sua vita e accetta con rassegnazione che non sia andata come avrebbe voluto.

È un romanzo malinconico, dall´andamento dolce, che culla il lettore ma non lo intorpidisce: anzi, lo risveglia riuscendo a raccontare la vita, come ne siamo noi gli artefici ma fino a un certo punto e come, però, ci sia sempre la possibilità di rialzarsi e ritrovarsi.

***

Tom Drury, La fine dei vandalismi, trad. Gianni Pannofino, 300 pagine, NN Editore

2 risposte a “LA FINE DEI VANDALISMI di Tom Drury”

  1. […] uscito ieri il secondo volume della Trilogia di Grouse County di Tom Drury. Vi avevo già raccontato di La fine dei vandalismi, sicuramente leggerò presto anche A caccia nei sogni, nell´attesa poi di Pacifico il prossimo […]

  2. […] Su Senzaudio Su Il Mestiere di Leggere Su La Lettrice Rampante Su Athenae Noctua Su La Sala dei Lettori Inquieti Su Liberaria Su Solo Libri Su Il Caffè Letterario Su MangiaLibri Su Odor di Gelsomino […]

Lascia un commento