24 volte al secondo ~ LE STAZIONI DELLA FEDE

Torna la rubrica di cinema di Odor di Gelsomino! Maria Antonietta Amico ci consiglia Kreuzweg – Le stazioni della fede, film tedesco che nel 2014 si è aggiudicato l´Orso d´argento per la migliore sceneggiatura al Festival di Berlino.

kreuzweg-dietrich-bruggemann-poster

La protagonista è una adolescente dolcissima, che segue con scrupolo le lezioni di catechismo nella sua piccola comunità di cattolici intransigenti. Nella sua famiglia si vive un dramma: il fratellino è malato, forse di autismo. La sorella concepisce l’idea che, offrendosi, rinunciando al suo corpo, alla sua vita, potrà salvarlo. L’aridità emotiva dell’ambiente che la circonda (la freddezza della madre, la marginalità della figura paterna) favorirà l’insano proposito, malgrado ci sia qualche sollecitazione in senso opposto, come l’attenzione affettuosa di un coetaneo. Il film, che ha uno splendido, armonioso ritmo, è diretto e recitato bene: può essere spunto interessante di quanto dolore possa recare una fede rigidamente vissuta su un animo giovane delicatamente proteso verso l’amore.

***

Titolo originale Kreuzweg, durata 107 minuti, Germania, 2014, regia di Dietrich Brüggermann, con Lea Van Acken, Franziska Weisz, Florian Stetter, Lucie Aron, Moritz Knapp

Lascia un commento