5 libri in 5 minuti, ovvero alcuni nuovi arrivi

Tanti nuovi arrivi nelle ultime settimane:  Adua (Giunti) di Igiaba Scego, sul quale lavoro e lavorerò per un seminario di Comparatistica sulla letteratura della diaspora africana; Antologia di Spoon River (Mondadori) di E.L. Masters, di cui mi interessa moltissimo anche il legame con il concept album Non al denaro non all‘amore nè al cielo di Fabrizio De André; Tienilo acceso (Longanesi) di Vera Gheno e Bruno Mastroianni, che avrò il piacere di presentare il prossimo settembre in occasione dell‘ottavo raduno nazionale Il Club del Libro a Firenze.

Venerdì scorso, inoltre, ho ricevuto un pacchetto particolarmente interessante e ho voluto condividerne con voi il contenuto – tornando al formato video, che avevo abbandonato per un anno e mi riprometto ora di utilizzare di nuovo.

Vi presento brevemente (5 libri in 5 minuti, per l’appunto):

– il secondo volume della “trilogia del secolo” di Carmen Korn, È tempo di ricominciare (pubblicato in Italia da Fazi Editore)
La mia meravigliosa libreria di Petra Hartlieb (pubblicato in Italia da Lindau)
– una biografia di Simone de Beauvoir scritta da Julia Korbik
– l’autobiografia di Beate Uhse
Pippi Calzelunghe di Astrid Lindgren!

Buone letture e alla prossima!

Le mie letture del 2017

Non sono, probabilmente, una vera lit-blogger. Non so dove e come si guardino le statistiche del blog, compro le novità ma poi le leggo dopo un anno, scrivo in maniera discontinua e non ho rubriche a scadenza fissa, ma soprattutto non conto i libri che leggo in un anno.

Che poi, a dirla tutta, leggo sempre meno e mi va bene così. A spanne, una cinquantina di libri nel 2017 (e sono molto contenta perché ci sono anche alcuni saggi e molta poesia).

Però il 2017 si sta concludendo ed è doveroso fare una sorta di bilancio. Come farlo? Mi sono fatta delle domande e data delle risposte per capire quali letture abbiano lasciato più il segno di altre. Ma nessuna delle domande è: “Qual è stato il miglior libro del 2017?”.

Continua a leggere